Bocciata la proposta di una Commissione Territorio

Abbiamo proposto l’istituzione di una Commissione Territorio perché crediamo nell’importanza della partecipazione, del dibattito e del confronto, soprattutto quando si discutono temi strategici e di ampia portata. Eravamo certi che l’idea sarebbe stata supportata dall’intero Consiglio anche perché molti altri Comuni si sono dotati di strumenti simili.Non lo abbiamo fatto per noi consiglieri considerato che la nostra proposta era di coinvolgere professionisti, tecnici ed esperti. La risposta invece è stata secca ed è stata un no. Le ragioni?Non si può discutere di certi temi perchè c’è bisogno di riservatezza. Un’opinione piuttosto particolare che lascia intendere come il confronto sulle future scelte che l’Amministrazione vorrà fare si limiteranno a decidere quale terreno rendere edificabile.Un vero peccato soprattutto per la storia di un Comune che ha sempre fatto del confronto e dello scambio idee uno strumento pre rendere migliori i progetti e più aderenti al proprio territorio e alle esigenze della comunità. Ecco l’audio del punto in discussione nella seduta di consiglio del 10 giugno.

Per ascoltare l’audio della discussione in Consiglio Comunale:

Conclusa la rassegna “Note di Natale”

img_3333.jpg

Con la serata dedicata ai cori del nostro Comune, si è conclusa la rassegna “Note di Natale” curata anche quest’anno da Paola Selva. Tanti spettacoli e molte presenze, segno di apprezzamento delle scelte fatte dall’Amministrazione Comunale. Nella chiesa parrocchiale di Tavagnacco si sono susseguite le esibizioni di “Chei dai Sparcs”, “Bariglarie”, “Sot il Bular”, “Bartolomeo Cordans”, “Tourdion” e, all’esordio in questa rassegna degli “Spiritual Ensemble”.

Vai a: “E’ successo (testi e foto) 2018”

In ricordo di Gabrielle

FullSizeRender (35)

Pochi mesi fa Gabrielle Harbert, a soli 12 anni, ci ha lasciati dopo un tragico incidente. Amava l’equitazione ed il calcio e così l’UPC Tavagnacco, società in cui giocava, ha deciso di ricordarla con un torneo quadrangolare dedicato alle esordienti. Il modo migliore con cui tante ragazze hanno potuto commemorarla, dimostrando l’impegno e la passione che caratterizzano la loro età. Complimenti al Venezia che si è aggiudicato il torneo, ma anche al Marcon, al Pordenone ed al Tavagnacco che hanno onorato la bellissima ed emozionante giornata.

Vai a: “E’ successo (testi e foto) 2017

L’intervista

La 81° edizione della Festa degli Asparagi è stata l’occasione per il fare il punto su alcuni temi amministrativi dopo circa 3 anni di mandato. Di seguito l’intervista.

final12

Sindaco Maiarelli, siamo nel 2017 e Tavagnacco oggi è tante cose, ma certamente non un Comune propriamente agricolo, eppure ha saputo mantenere nel tempo la valorizzazione del suo asparago bianco. Un bel primato, non crede?

Negli ultimi decenni il Comune di Tavagnacco ha avuto diversi sindaci e diversi amministratori, ma nessuno di questi hai mai voluto stravolgere le caratteristiche del territorio. Quello che si è sempre cercato di fare è stato accompagnare le dinamiche ed i cambiamenti sociali ed economici, cogliendo opportunità importanti, creando le condizioni per elevare la qualità della vita ma cercando sempre di valorizzare ed esaltare le peculiarità di cui il nostro territorio è ricchissimo. La cultura dell’asparago è una di queste e se oggi continua ad essere un elemento di valore e di qualità, ciò lo si deve anche a chi ha fatto di tutto per raccontarne le qualità ed i benefici.

Continua a leggere

Visita al Parlamento Europeo

img_0686

E’ stata una bellissima esperienza quella derivante dall’invito dell’on. Isabella De Monte a far visita al Parlamento Europeo di Bruxelles. Un’occasione per comprendere meglio il funzionamento della complessa struttura amministrativa e politica europea, ma anche per far visita alla sede della Regione FVG per discutere di finanziamenti europei ed opportunità per le neo nate Unione Territoriali Intercomunali.

Vai a: “E’ successo (testi e foto) 2016

Inaugurata la nuova biblioteca

88

E’ stata ufficialmente inaugurata la nuova sede della biblioteca comunale. Un appuntamento atteso da diversi decenni, che riporta nel cuore del territorio un importante luogo di cultura, riflessione e pensiero. Da oggi chiunque potrà aiutarci a plasmarla a seconda dei propri interessi, obiettivi e sogni e per questo chiediamo a tutta la comunità di far la propria parte affinché essa non resti un mero contenitore. Avevamo un edificio di servizi che per anni ha svolto il suo ruolo ed ora lo restituiamo al territorio ed alla sua gente con caratteristiche e funzioni differenti. Il miglior regalo che potevamo fare alla nostra comunità.

Vai a: “E’ successo (testi e foto) 2016

Fiaccolata in memoria di Cristian Rossi

volantino A4

Si terrà martedì 5 luglio, alle ore 20.30 a Feletto U., la fiaccolata in memoria di Cristian Rossi. La partenza avverrà dallo spazio antistante il Palazzo Comunale mentre l’arrivo avverrà presso la Chiesa di S. Antonio Abate. Contestualmente è stata organizzata una raccolti fondi da destinare alla moglie Stefania e alle figlie Gaia e Camilla. Le donazioni possono essere effettuate in occasione della fiaccolata (presso la partenza e l’arrivo) oppure tramite bonifico sul c.c. intestato a Stefania Collavin utilizzando il seguente codice IBAN: IT24U0634064301100000001958.

Si ringrazia fin d’ora tutti coloro che intendono partecipare.

Vai a: “E’ successo (testi e foto) 2016

Festa della Liberazione

“Quando io considero questo misterioso e miracoloso moto di popolo, questo volontario accorrere di gente umile, fino a quel giorno inerme e pacifica, che in una improvvisa illuminazione sentì che era giunto il momento di darsi alla macchia, di prendere il fucile, di ritrovarsi in montagna per combattere contro il terrore, mi vien fatto di pensare a certi inesplicabili ritmi della vita cosmica, ai segreti comandi celesti che regolano i fenomeni collettivi, come le gemme degli alberi che spuntano lo stesso giorno s’accorgono che è giunta l’ora di mettersi in viaggio.
Era giunta l’ora di resistere; era giunta l’ora di essere uomini: di morire da uomini per vivere da uomini”.
(Piero Calamandrei)

Vai a: “E’ successo (testi e foto) 2016

Inaugurato lo spazio di “co-working”

Ieri pomeriggio, alla presenza dei 12 ragazzi vincitori della borsa di “work experience”, dei referenti della cooperativa Aracon, degli assessori Giulia Del Fabbro e Marco Duriavig, è stato aperto lo spazio di “co-working” dedicato ai ragazzi del progetto Labor.comm. Un luogo dove avranno l’opportunità di portare avanti i loro progetti, confrontarsi, crescere professionalmente, avviarsi nel diventare imprenditori. Tutti noi (ragazzi e amministrazione comunale) stiamo facendo una scommessa ed un investimento anche rispetto alle relazioni tra pubblico e privato. A loro va un augurio che ciò sia solo l’inizio di una bella e lunga avventura.

Vai a: “E’ successo (testi e foto) 2016

Le unioni civili e l’ipocrisia

In questi giorni assisto, con distacco ed in parte disgusto, al dibattito sul tema delle unioni civili.
Noto sempre più la profonda ipocrisia di parte della classe politica di questo Paese che in nome di una propria presunta morale, ama giudicare la vita ed i comportamenti degli altri, proteggendo la propria all’interno di una “zona franca” dove invece tutto è permesso.
Ma ciò che più mi preoccupa è la lontananza della politica (sempre nel nome di una morale da difendere) dal Paese, dalle storie e dalle vite di milioni di persone che hanno diritto di amare e di scegliere come vivere la propria vita.
Siamo un Paese strano, dove può apparire giustificabile uccidere chi vìola la nostra proprietà, dimenticando che un Paese evoluto si basa sulla giustizia e, ovviamente, la certezza della pena, ma immorale concedere a chiunque di amarsi e vivere secondo le proprie scelte, godendo di diritti e doveri che spettano a tanti altri.
Ho sempre creduto che l’estensione dei diritti vada sempre ricercata, tanto più se questa non lede i diritti degli altri, ma oggi mi chiedo quanto dovrò ancora aspettare per sentirmi orgoglioso del mio Paese e di chi, in questo Parlamento, dovrebbe rappresentarmi.

Vai a: “E’ successo (testi e foto) 2016

12 brevi pensieri sulle UTI

12 principi

Martedì sera il Consiglio Comunale di Tavagnacco ha approvato con 13 voti a favore e 7 contrari lo Statuto dell’Unione Territoriale del Friuli Centrale. Si è parlato spesso di vantaggi e svantaggi, difficoltà ed opportunità che questo percorso incontrerà. Ma come stanno (secondo il mio pensiero) le cose? Ecco 12 brevi pensieri:

  1. La legge non è perfetta ed andrà corretta e migliorata. I tempi di attuazione sono troppo stretti e rischieranno di rendere difficile l’inizio dell’attività.
  2. Alcuni Comuni hanno scelto di ricorrere contro la legge. Una scelta del tutto legittima che però ha impedito agli stessi di contribuire, con le loro idee e la loro peculiarità, ad una stesura condivisa dello statuto.
  3. Ciascuno di noi ha grandi dubbi e preoccupazioni come accade per tutti i grandi cambiamenti, ma siamo consapevoli di trovarci di fronte ad una grande opportunità per poterci confrontare con i sistemi territoriali più avanzati.
  4. Il percorso dei prossimi mesi sarà tutto in salita ma anche avvincente perché si comincerà a pensare a come organizzare la struttura amministrativa, ai nuovi possibili servizi, ad obiettivi di alto livello.
  5. Il sistema economico, il mondo del lavoro ed il tessuto sociale sono in questi anni profondamente cambiati. Le domande e le conseguenti risposte sono molto diverse rispetto al passato. Come potrebbero le amministrazioni comunali restare così come sono?
  6. Qualche collega lamenta che in futuro sindaci ed assessori conteranno molto di meno. Io credo che dovremmo essere molto meno autoreferenziali e guardare ai cambiamenti come un’opportunità per i cittadini e per le imprese che potranno godere dei vantaggi derivanti da economie di scala e progettualità di sistema.
  7. L’identità non è in pericolo come lamenta qualcuno. La nostra identità è data da noi, dalla valorizzazione del territorio, dalla capacità di creare impresa, dalla qualità dei servizi, dalla solidarietà che sappiamo esprimere. Tutti aspetti che la collaborazione e la condivisione non potranno cancellerare.
  8. L’obiettivo sarà fare in modo che, nel brevissimo periodo, cittadini ed imprese non si accorgano del progetto in atto mantenendo i servizi di prossimità e gli standards a cui oggi sono abituati.
  9. Oggi esistono servizi eccellenti in ciascuno dei 9 Comuni che faranno parte dell’UTI. Dopo una prima fase di avvio dovremo fare in modo che queste singole eccellenze possano diventare elemento comune per tutti e punto di partenza per servizi ancora più mirati ed efficienti.
  10. La città di Udine ha bisogno del suo hinterland ed i Comuni più piccoli guadagneranno dal rapporto con la città. Questo confronto non potrà più rappresentare una paura ma diventare un’opportunità di crescita.
  11. La sfida che abbiamo di fronte è enorme e dovremo capire che la sua riuscita dipenderà esclusivamente da noi e dalla nostra capacità di fare un enorme salto culturale.
  12. Dovremo abituarci pensare “in grande” sia come idee e sia come territorio se vorremo rendere più efficienti i nostri servizi e più attrattivo e competitivo il nostro territorio.

Vai a: “E’ successo (testi e foto) 2015