Festa della Repubblica

IMG_7183

“Oggi festeggiamo la Festa della Repubblica in un momento delicato e difficile di questo Paese.

In queste ultime settimane abbiamo vissuto una fase di scontro politico ed una divisione sociale che hanno avuto pochi precedenti nella storia del dopoguerra; scontro che al di là degli effetti sull’economia del nostro Paese, ha messo fortemente in crisi le certezze sulla capacità di tenuta della nostra democrazia.

Qualche anno fa Indro Montanelli dichiarò che noi siamo un “popolo di contemporanei, che non hanno fiducia nel futuro e nemmeno interesse al proprio passato”

Credo che questa definizione rispecchi fedelmente la situazione del nostro Pese e di noi italiani.

Purtroppo ancor’oggi dimostriamo di essere un popolo incapace di riconoscere i valori, i princìpi, l’eredità positiva del passato; al tempo stesso siamo anche un popolo totalmente disinteressato e freddo rispetto al futuro nostro e purtroppo, anche dei nostri figli; un popolo incapace di guardare lontano e di scommettere nel futuro.

Ieri pomeriggio i ragazzi della 5° della scuola primaria di Tavagnacco grazie al lavoro di uno straordinario gruppo di insegnanti ci hanno raccontato il percorso che ha portato alla nascita della Repubblica prima e della Costituzione poi, i valori che l’hanno caratterizzata, le donne e gli uomini che hanno contribuito a scriverla.

Dopo uno spettacolo che ha fatto commuovere molti e lacrimare qualcuno a me è venuta in mente una sola parola: orgoglio.

Orgoglio per quei ragazzi (non bambini ma ragazzi) capaci di immedesimarsi, con la leggerezza e l’incoscienza dell’età, nei personaggi politici che hanno fatto la storia di questo Paese.

Orgoglio per quegli insegnanti capaci di gettare il cuore oltre l’ostacolo, e straordinari nel trasmettere la voglia di sapere, di conoscere temi apparentemente lontani, ma mai così vicini.

Orgoglio perché quei ragazzi e quegli insegnanti sono ossigeno per la comunità.

Oggi molti sono delusi da una classe politica e dirigente incapace di garantire risposte alle difficoltà dei cittadini ed alle necessità dei territori. Quelle stesse persone guardano a quelle donne e quegli uomini che hanno scritto la Costituzione, ma anche garantito solidità e forza alla nostra democrazia, come esempi straordinari di moralità, di lungimiranza, di fedeltà a valori alti e nobili.

Eppure sono convinto che uomo politici come Alcide De Gasperi, Pietro Nenni, Aldo Moro, Enrico Berlinguer, Sandro Pertini, Nilde Jotti oggi non godrebbero della stima e del rispetto che meriterebbero e ciò è dovuto al fatto che noi stessi abbiamo cambiato modo di guardare alla politica ed ai suoi valori (anche per colpa della politica stessa).

Oggi più che mai abbiamo la necessità di guardare negli occhi e nel cuore di quei ragazzi della classe 5° di Tavagnacco, perché loro hanno compreso l’importanza e fatti propri di valori quali la libertà, l’uguaglianza, il rispetto, la solidarietà che sono alla base della vita di una comunità.

Vorrei concludere con un pensiero al nostro Capo dello Stato, il quale, al di là di quelli che possono essere legittimi giudizi politici, ha saputo in un momento difficile di questo Paese, garantire il rispetto della nostra Costituzione e dei valori che essa rappresenta.

La tormentata nascita del nuovo governo, al quale da uomini di istituzione dobbiamo fare gli auguri di buon lavoro nell’interesse di tutti gli italiani, è segno che il rispetto delle regole e dei princìpi condivisi non è mai, e dico mai, un ostacolo per l’affermarsi della democrazia.”

Vai a: “E’ successo (testi e foto) 2018”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...